Hineni Hineni

If you are the dealer
I’m out of the game
If you are the healer
Means I’m broken and lame
If thine is the glory
Then mine must be the shame
You want it darker
We kill the flame

Hineni Hineni
I’m ready, my Lord

(testo e traduzione integrali di “You want it darker” su leonardcohen.it)


Le immagini del video sono dal film “Il vampiro” di Carl Theodor Dreyer (1932).

Annunci

Di lei non ci resta che la voce nella quale si agitano fantasmi allucinati, collera, ombre di delirio

La Stampa di sabato 18 luglio 1959, pagina 4.

II decesso in povertà a 44 anni, avvelenata dalla droga. New York, 17 luglio. La celebre cantante negra di jazz Billie Holiday è morta nelle prime ore di stamane al Metropolitan Hospital, dove era ricoverata dallo scorso maggio per una malattia al fegato. I medici hanno dichiarato che il decesso è dovuto a congestione polmonare complicata da disfunzioni circolatorie. Billie Holiday aveva 44 anni.

Continua a leggere “Di lei non ci resta che la voce nella quale si agitano fantasmi allucinati, collera, ombre di delirio”

We can cult 8 – Verso l’infinito

Il mio video per lanciare l’ottava edizione del weekend culturale del Comune di Formigine “We can cult”.
Il formato del video è quadrato (640×640) per ottimizzarne la visualizzazione da smartphone ed è destinato al caricamento su Facebook.
L’idea è quella di non fornire info riguardo la manifestazione ma di incuriosire creando un’atmosfera “di culto”.
La ragazza che si vede nel footer del video è l’immagine che fa da logo della manifestazione che, quest’anno, rimanda anche a una suggestione legata al numero 8 (inclinato) che è il simbolo dell’infinito.

La ragazza e il libro vengono “illuminati” per tutto il video da una striscia di luce presente nella texture scelta come sfondo.
La donna e l’uomo che interagiscono nelle immagini sfocate devono evocare qualcosa di misterioso: uomo, donna, contatto, persone, dialoghi, incroci, scambi.
Durante la transizione a comparsa della scritta “verso l’infinito” sullo sfondo una leggera luce che rimanda al simbolo dell’infinito si accende e si integra col fascio luminoso che per tutto il video illumina il logo.

La scelta musicale è legata all’idea di un crescendo verso l’infinito.

Fenomenologia del complottista

Da quattro anni Tom Hanks produce per la CNN una serie di documentari dedicata a una decade, finora: The Sixties, The Seventies, The Eighties e The Nineties. Ogni serie ha un episodio dedicato alla televisione, uno alla politica, uno all’attualità, uno alla musica e, ovviamente, altri sono dedicati ad eventi particolari accaduti nel corso di quel decennio. Questo spezzone è tratto dalla terza puntata di The Sixties, “The Assassination of President Kennedy” che, Kennedy a parte, è tanto semplice quanto illuminante rispetto alla fenomenologia del complottista. Qualunque sia il “complotto” che lo interessa.

Qual è la lettura perfetta per una singola giornata al mare?

Diamo subito la risposta esatta: è “Tifone” di Joseph Conrad. Il motivo più banale per fare di questo romanzo breve o racconto lungo la miglior lettura possibile per una per una toccata & fuga marina è naturalmente la sua lunghezza: a seconda delle edizioni, un centinaio di pagine. Il che lo rende perfetto per essere tranquillamente concluso nell’arco della giornata intervallandolo senza problemi all’intero ciclo di bagni, al pranzo a sacco, alla pennichella pomeridiana e a ogni altra possibile variante relativa ai gusti individuali.

[Spoiler: con la scusa dei libri, qui si parla di tutt’altro].

La storia è piuttosto semplice: il piroscafo commerciale Nan-Shan navigando per i mari cinesi, si imbatte in un terribile tifone al quale scamperà per miracolo. A comandare il battello è il capitano inglese MacWhirr e la sua breve descrizione, che fa anche da incipit al romanzo, è un capolavoro di psicologia e un pugno nello stomaco per chi, non conoscendo affatto Conrad, tende a ridurlo a “interprete magistrale di atmosfere esotiche” o, peggio ancora, a un autore “per ragazzi”:

Il capitano MacWhirr, del piroscafo Nan-Shan, aveva, per quanto concerne l’aspetto esteriore, una fisionomia che rispecchiava fedelmente l’animo suo: non presentava alcuna distinta caratteristica di fermezza o di stupidità; non aveva, assolutamente, alcuna caratteristica pronunciata; era soltanto comune, insensibile e imperturbabile”. E poi ancora: “Dato che possedeva appena quel tanto di immaginazione sufficiente a consentirgli di vivere alla giornata, e non di più, era serenamente sicuro di se stesso; e per questa identica ragione non sapeva che cosa fosse la vanità. E il superiore immaginoso ad essere suscettibile, arrogante e diffìcile da soddisfare; ma ogni nave comandata dal capitano MacWhirr era stata la dimora galleggiante dell’armonia e della serenità”.

Continua a leggere “Qual è la lettura perfetta per una singola giornata al mare?”

Parole d’amore tra scienziati

Parole d’amore tra scienziati: “Fu così doloroso e penoso che decisi che non avrei mai più festeggiato quella giornata, a meno che tu non mi fossi stato accanto. Sai, l’esistenza di una stella nana è così disperatamente dolorosa, dopo che ha perso il suo guscio elettronico e mantiene solo il nucleo; e dentro al mio petto c’era lo stesso vuoto e lo stesso dolore, come se il cuore si fosse ritirato in se stesso”.