Paga sempre Pantalone?

Gira su Facebook e io condivido al 100%.

350 milioni di euro per i Referendum, vogliamo parlarne?
Dobbiamo pagare noi la scelta infame di non accorpare Referendum e Amministrative per la speranza del Governo di non far raggiungere il quorum?
Io non sono molto d’accordo, preferirei trattenerli dallo stipendio di chi lo ha deciso. Come dire, non lascerei perdere così la questione…
(Specie a fronte della simpatica manovrina da 40 miliardi di euro e passa che ci capiterà fra capo e collo quest’anno).

Campagna referendaria a Modena

Annunci

Biutiful cauntri e altri racconti

Una bella iniziativa Rai che mi par giusto promuovere:

Uno sguardo sulla realtà ma anche un’occasione per rilanciare un genere troppo spesso sottovalutato. “Il documentario” è un omaggio alla storia del documentario italiano e andrà in onda su Rai Uno a partire dal prossimo 18 luglio, per otto domeniche. Grandi titoli che promuovono un genere di nicchia attraversando registi e tematiche trasversali. A selezionarli è la redazione di Speciali Tg1 che, in collaborazione con Rai Cinema, ha stilato un pacchetto di otto documentari d’autore: si va dall’Oro di Cuba di Giuliano Montaldo a Sotto il cielo azzurro di Eduardo Winspeare, da Tessere di pace in medio oriente di Luca Archibugi a Siamo tutti vecchi di Francesca Muci, da Ward 54 di Monica Maggioni a Petrolio di Roberto Olla, per concludere con Ritratto d’artista, due documentari firmati da Vincenzo Mollica.

Benedetta Perilli (Fonte: “Pasolini, Quilici e Moretti: 10 documentari che hanno fatto la tv“)

Sulla stessa pagina Kataweb, in occasione del lancio dell’iniziativa, presenta le schede di dieci documentari che hanno fatto la storia del genere in Italia.
Tra questi, “Biutiful cauntri”, del 2007, di Esmeralda Calabria e Andrea D’Ambrosio.

Una pagina di grande attualità come l’emergenza rifiuti in Campania viene raccontata in presa diretta durante la crisi del 2007. Il documentario parla di inquinamento, ecomafia e discariche abusive. Non solo. Si affrontano anche le ripercussioni che una politica scellerata ha portato su allevamento, soprattutto pecore, e agricoltura, oltre a servire da inchiesta sul business nato dai fatturati dello smaltimento illegale dei rifiuti. Presentato al Torino Film Festival del 2007 (menzione speciale) e vincitore del Nastro d’argento come miglior documentario uscito in sala nel 2008, è stato proiettato nel marzo 2008 in dieci sale nazionali e nel luglio dello stesso anno è arrivato nelle sale francesi per poi essere distribuito in dvd dalla Rizzoli.

Echi dal sottosuolo

Prosegue alla grande l’esperienza di marketing non convenzionale di Cappesante della community di Zooppa.
Sui tombini della sua città (non lontana da quella di chi vi scrive) sta applicando adesivi da lui creati che promuovono zooppa.
In un blog dedicato tiene il resoconto di come procede la campagna invitando anche a una partecipazione collettiva: “Mi piacerebbe che la tombino-advertising si diffondesse a macchia d’olio“.

Che dire? We support you Cappe!
E grazie.