Volevamo i capelli lunghi recensito da Repubblica.it

Su Repubblica.it, la recensione firmata da Giulia Iselle su “Volevamo i capelli lunghi”, il documentario delle Officine Tolau sul film che il grande regista Mario Monicelli non riuscì mai a realizzare.

Un anno fa l’addio a Mario Monicelli, un documentario racconta l’opera inedita
La sera del 29 novembre del 2010 moriva uno dei maestri del cinema italiano. Esce un documentario sul suo film mai realizzato “Volevamo i capelli lunghi”

Ad un anno dalla scomparsa di Mario Monicelli, morto suicida come l’amatissimo padre, direttore antifascista del Resto, è uscito il libro a fumetti e il documentario sul film che il prolifico regista non riuscì mai a girare, Capelli lunghi. Lui che di documentari ne aveva fatto solo uno, il suo ultimo lavoro cinematografico dedicato al rione romano dove trascorse gran parte della sua vita intitolato Vicino il Colosseo c’è Monti. Nessuno come lui ha descritto tanto l’Italia dei Brancaleoni del dopoguerra: “E’ stato il nostro Balzac, l’autore di una gigantesca commedia umana degli italiani” scriveva Curzio Maltese il giorno dopo il gesto estremo.

Il documentario Volevamo i capelli lunghi, prodotto dalle Officine Tolau, è realizzato da Stefano Aurighi, Davide Lombardi e Paolo Tomassone, insieme a Massimo Bonfatti, con un’intervista inedita a cura di Franco Giubilei al regista, che ripercorre la sua memoria raccontando la genesi di quest’opera – i motivi per cui non ha mai avuto uno sviluppo cinematografico – e del movimento del ’68 e del terrorismo degli anni successivi. Il maestro della commedia all’italiana scrisse Capelli lunghi nella seconda metà degli anni ’60, una sorta di controcanto alla canzone dei Nomadi “come potete giudicar, chi vi credete che noi siam, per i capelli che portiam”. È la storia, ambientata in una località del modenese, semplice e rivoluzionaria di Michele, 17 anni, operaio tornitore dai capelli troppo lunghi per i benpensanti dell’epoca ed Esterina, 14 anni, che decide di scappare di casa come quella ragazza del pezzo dei Beatles “She’s Leaving Home”, che canta di una generazione che vuole conquistare la propria indipendenza. Un poeta, un sognatore, ribelle e libero, Michele combatte la propria battaglia quotidiana in famiglia e sul luogo di lavoro per una rivoluzione personale che sfida la società. I due si incontrano, fanno esplodere la loro forza di ribellione latente e decidono di assaporare la libertà a bordo di una moto rubata, ma la fuga d’amore on the road ha un tragico epilogo.

Il soggetto, rimasto in un cassetto, negli anni ’90 è diventato un fumetto illustrato da Massimo Bonfatti. E, nel 2008, un libro (con il testo originale di Capelli lunghi dattiloscritto da Monicelli), scritto dal giornalista Franco Giubilei, che racconta la storia di questo film mancato che fu anche un romanzo, un saggio sull’Italia prima del ’68, e un capitolo di diario del regista del volto allegro del neorealismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...