Lunghe armonie silenziose

‎”Le armonie di Werckmeister“, dell’ungherese Bela Tarr (2000). In uno strano villaggio, popolato da ubriaconi e pezzenti più o meno disperati, arriva un circo con una balena imbalsamata, un misterioso “principe” deforme che però non si vede mai e la gente impazzisce senza motivo. La trama in realtà è nulla. Il film è fatto con piani sequenza lunghissimi e musiche emozionanti. (da Finegarten)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...