E l’acqua non c’è più

Stranissima sensazione alzarsi alle sette di un sabato mattina qualsiasi, prendere come al solito la caffettiera, aprire il rubinetto per aggiungerci l’acqua e scoprire che non ce n’è. Neanche un filo. Niente.
Non puoi fare (la solita) colazione, non puoi lavarti, non puoi andare in cesso (cioè, puoi: ma con conseguenze piuttosto pesanti).

Allora esco in strada con i capelli che hanno ancora la forma del cuscino (a me si proiettano verso l’alto, tipo punk nostalgico e parecchio invecchiato) e scopro che si è rotta una tubatura dell’acquedotto e la via Emilia, per cento/duecento metri, è allagata. In certi punti raggiunge anche un’altezza di una ventina di centimetri

Prendo l’acqua dalla strada con le mani (tanto mica è quella della fogna) e mi sistemo almeno i capelli.
E penso che tutto quello che abbiamo, a cui siamo abituati e diamo assolutamente per scontato, è in realtà del tutto provvisorio. C’è, ma potrebbe anche non esserci. Non è detto che ci sarà per sempre: non sta scritto da nessuna parte che certi benefit debbano essere eterni.

Con tutto quel che ne consegue.

Annunci

2 pensieri su “E l’acqua non c’è più

  1. mp

    complimenti per lo stile!

    comunque ho presente la sensazione. qua da me fino all'anno scorso mancava spesso l'acqua durante l'estate e infatti ci eravamo attrezzati con bottiglie e bottiglioni sempre pronti per le emergenze (non l'abbiamo avuta anche per 2 giorni, ed è stato molto scomodo).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...