Farmville, la città rivoluzionaria

Farmville, quell’orrida applicazione di Facebook alla quale giocano centinaia di migliaia di persone, come Pietrogrado, la città russa dalla quale ebbe inizio la rivoluzione d’ottobre.
Chi l’avrebbe mai detto? Certo non io. Che non solo non ci ho mai giocato, né a Farmville, né a Cityville, così come non ho mai inviato ad alcuno un “biscotto della fortuna” e tutte le altre sciocchezzuole che vanno per la maggiore su Facebook, ma ho sempre guardato con sommo disprezzo (pari solo a quello che provo per l’intera invenzione di Zuckerberg – con la quale però è imprescindibile fare i conti se si vuole capire qualcosa del “presente”) questo modo di cazzeggiare online (ahi, la sinistra e i sinistri e l’eterno complesso dei migliori…).

Invece, leggo su uno degli ultimi numeri di Limes, Farmville è una specie di covo di rivoluzionari.
O quasi.

Scrive infatti Marco Hamam (cfr. “La vittoria dei giovani e di Facebook”, pag. 95) a proposito del ruolo di Facebook, Google e YouTube nei recenti fatti d’Egitto: “Facebook, in particolare, ha funzionato in Egitto come infrastruttura organizzativa, come strumento di reclutamento di possibili militanti e come piattaforma nella quale i tunisini hanno passato i loro consigli e le loro tecniche agli egiziani. Una sorta di Giovine Italia digitale“.

E fin qui, se vogliamo, niente di particolarmente nuovo sotto il sole.
Ma adesso arriva il bello: “E paradossalmente, il fatto stesso che Facebook, Google e YouTube contengano anche cose ‘inutili’ e facciano circolare contenuti apolitici, crea grosse difficoltà ai governi che non riescono sempre a filtrare i contenuti scomodi. Per cui decidono di oscurare tutto il sito. E’ quella che Ethan Zuckerman chiama ‘the cute-cat theory of digital activism‘: Quando un governo cerca di bloccare l’attivismo politico di un sito della nuova generazione, blocca anche l’accesso ‘ai gattini’. Tuttavia bloccare i contenuti banali su Internet è autolesionistico per i governi. Così si insegna alle persone a diventare dissidenti (…). Ogniqualvolta si toglie l’accesso delle persone ai gattini si spende capitale politico”.

In pratica, se alla gente togli Farmville & similia, si incazza. E fa la rivoluzione.
Uno spettro si aggira per la Rete, anche se è solo un lontano pronipote post-moderno di quello a cui aveva pensato Marx.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...