Think only peer to peer

I due precedenti post non devono confondere le acque.
Fashion doesn’t fit me so deeply.
Guardo a tutto l’ambaradan che si muove intorno all’UCG (User Generated Content) con una certa ironia.

Sono convinto che in diversi cavalchino la moda senza comprenderne la sostanza.
Immagino che oggi in molte aziende – old o new economy – circolino idee brillanti del tipo: “Hey, lanciamo una campagna dove siano gli utenti a realizzare degli spot pubblicitari per noi, rendiamo commentabile alcune parti del nostro sito internet, mettiamo in piedi un blog aziendale, apriamo un account su Flickr o Facebook…” e via cimentandosi 2.0 volte o anche più.
Nulla di male in questo, per carità.

Però attenzione, perché il mezzo sta cambiando radicalmente anche la natura del messaggio.

Non deve sfuggire la questione di fondo: l’era della collaborazione di massa – la wikinomics raccontata così bene da Don Tapscott e Anthony D. Williams (in italiano il libro è pubblicato da Etas) – inciderà anche su qualcosa, l’economia stessa, i cui meccanismi attuali forse non tutti vorrebbero fossero toccati alla radice dall’esplosione di “una nuova economia democratica in cui ciascuno di noi ha un ruolo da protagonista”.

Secondo Tapscott e Williams la peer production spazzerà via consolidati meccanismi fondati sull’autorità e il controllo (applicateli ovunque vogliate, un’azienda o un partito, poca cambia) aprendo la strada a una rivoluzione in cui, per la prima volta nella storia, masse significative (se non enormi) parteciperanno all’economia con la capacità reale di incidere sui suoi meccanismi. Di trarne misurabili vantaggi personali in quest’era in cui presente e futuro sembrano in mano, almeno dal punto di vista economico-finanziario, a pochissimi.

“Mai prima d’ora – scrivono i due – gli individui hanno avuto abbastanza potere, né opportunità, per unirsi in reti di peer a maglie larghe al fine di produrre beni e servizi in modo assai tangibile e continuo. La maggior parte delle persone era confinata in ruoli economici di portata relativamente limitata: si trattava di consumatori passivi di prodotti del mercato di massa oppure di dipendenti intrappolati nei livelli più bassi delle burocrazie amministrative, costretti ad obbedire agli ordini del loro capo. […] Oggi è in atto una rivoluzione”.

E ancora: “MySpace, YouTube, Linux e Wikipedia – che oggi costituiscono i migliori esempi di collaborazione di massa – sono solo l’inizio: una manciata di personaggi familiari nelle pagine iniziali del primo capitolo di una lunga saga che cambierà molti aspetti del funzionamento dell’economia”.

Per questo lanciare un contest chiedendo la collaborazione dei costumer (magari avendo l’accortezza di chiamarli prosumer) di per sé, non significa assolutamente niente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...